Fiorentine a Milano: Joe Cipolla, via San Marco

2 Giu

Questo slideshow richiede JavaScript.

La prima volta che ci son passato davanti era inverno e cercavo un altro ristorante. Volevo andare dai Pascone (ristorante, prima in viale Montenero, poi in via San Marco, ora ucciso dalla crisi), poi mi resi conto orripilato che al posto dei due fratelli bonari e oversize c’era questa bisteccheria paraculissima. Grande sfiducia, “con un nome così poi”, niente, tirai diritto e me ne tornai a casa.

Il giorno dopo iniziai le indagini e venni a sapere che Joe Cipolla è del Gruppo Seven, arcinota catena di steak house, niente male ma non troppo, e che qualche fonte affidabile sosteneva di averci pure mangiato bene. Impossibile. Ricordavo alcune mediocri cene aziendali al Seven di viale Montenero (si, era poco lontano dalla primigenia sede dei Pascone e il viale è lungo, mica è colpa mia…) con salumi di provenienza sannitica, patate surgelate e le carni alcune buone altre anche no.
Comunque, dopo decine di esperienze orribili in mezza Italia, decisi che una in più non mi avrebbe (forse) ucciso e andai. Poi ritornai più volte, sintomo, se ormai avete imparato a conoscermi, non di pulsioni autodistruttive, bensì di apprezzamenti alla cucina.

Il locale è strategicamente posizionato a pochi metri da via Moscova, una via tranquillissima dopo le 20, ma vicina alla mondanità di Brera, dov’è piacevole cenare all’aperto d’estate, sempre che si abbia una buona tolleranza alle zanzare e ai venditori di rose.
Gli interni sono belli, curati, ma quasi sovrabbondanti. L’idea è quella di ricreare una steak house newyorkese degli anni ’30 e lo stesso nome Joe Cipolla è un ironico riferimento al cuoco di Al Capone, le cui foto occhieggiano alle pareti assieme ai vari Joe DiMaggio, Frank Sinatra e tutto il gotha italoamericano dell’epoca. Immancabile una Berkel rossa tanto quanto le tovaglie a quadretti bianche e rosse e la lavagnetta coi piatti del giorno che fa tanto happy days.
Il personale di sala emana una cortesia palpabile, che lascia quasi stupiti, abituati come siamo a un servizio estremamente standardizzato verso il basso e spesso tendente alla freddezza.
Il menù è imperniato su una notevole varietà di tagli di carne esposta in un grande bancone a vetrina, repellente per i vegetariani, forse, conturbante per il sottoscritto.
Prima di lanciare i cuori verso una costata o una tartare, si può iniziare la serata con uno dei degli antipasti proposti dalla carta: tagliere di insaccati misti oppure una nobilissima Culaccia di Parma (ormai talmente diffusa che verrebbe da pensare a un territorio parmense interamente abitato da suini…), altrimenti i modaioli Jamon Serrano 24 mesi o Cecina de Leon. Buone ma pesantucce le verdure fritte in pastella, come idem gli anelli di cipolla fritti, evitabilissima la Caesar Salad con parmigiano: Manhattan è comunque lontana.

Passiamo alle carni:
Tartara di Fassona piemontese battuta al coltello: piatto evergreen che non deluderà tutti gli amanti del crudo.

Tenerissime sia la costata di manzetta Prussiana (delicata) che quella di Scottona Bavarese (grassa e saporita) da 450 gg, anche se l’espressione massima delle potenzialità carnivore si raggiunge ordinando, da condividere, una bella fiorentina da un chilo cotta alla brace e servita con patate (sempre alla brace) e melanzane con mentuccia.

La cantina è vasta e privilegia, ovviamente i rossi; passando da quelli più fragranti come la Barbera o il Marzemino per poi virare su bottiglie più importanti e corpose (anche come prezzi): Brunello, Montepulciano, Barbaresco…

Quantificare la spesa, in questo caso, è veramente difficile. Si può entrare per un ottimo hamburger e una birra e uscire comunque soddisfatti spendendo come in pizzeria, oppure combattere dall’antipasto al dessert pagandone lo scotto. In generale il rapporto qualità prezzo, considerando anche la posizione e il servizio, è positivo.

Un consiglio: per la sua atmosfera che i più definirebbero “easy”, al fine settimane il locale è un ottimo pretesto per rumoreggiare in grande compagnia…

Ah, Joe Cipolla ha anche “un gemello” in via Vigevano.

http://www.joecipolla.it

Via San Marco 29
20121 Milano
Tel.02.45488837

Chiuso la domenica
la cucina apre dalle 19.00 alle 24.00

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Malice's Craftland

Benvenuti nel mio mondo

ITINERARI LAZIALI

borghi, castelli, ville, città perdute, monasteri ed abbazie, leggende e segreti, paesaggi fantastici e luoghi insoliti della regione di Roma e dei territori limitrofi.

Taste and Travel

Milano and more

lilruby jewelry

Jewelry design and who knows what else...

Associazione - GAS Torrino Decima - Roma - IX Municipio

"Non possiamo pretendere che le cose cambino, se continuiamo a fare le stesse cose. (Albert Einstein)

ruibarbacaos

Historias con comida

Esperienze di Gusto

Taste is everything, everything tastes

NikiLeaks News

Nikki Marquardt's blog around the world

Makeit Land

Learning creativity

Solocoloricaldi

Photography Exibition around Milan

vivoinbarriera

eventi ed iniziative che accadono a Torino, Barriera di Milano

Daffodil Cottage

Il Blog by Angela Urbani su bijoux handmade, tutorial make up e cosmesi

Tenaglia Impazzita

art mosaic by Giulio Pedrana

aughgoodies.wordpress.com/

▲ A world of Goodies ▼

Il Mercato degli Eventi

Il sito degli eventi di Bi&Bi Comunicazione

Il laboratorio di Arte-Bottega

Consigli dal portale di vendita on line per artigiani

lysecocycle

A great WordPress.com site

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: