La cotoletta di Re Mida: Trattoria al Garghet, Gratosoglio, Milano

9 Giu

I ristoranti delle grandi città hanno, ormai da decenni, l’altrettanto grande difetto di simulare, per la gioia del cliente, antiche atmosfere più o meno ben ricostruite, ricette artefatte e profumi riesumati da ricettari ormai muti. Talvolta il risultato è pregevole, o comunque apprezzabile, sia per lo sforzo “esegetico” del ristoratore, sia per la piacevolezza che questa patina di “antichità simulata” possono infondere nel cliente.

La Trattoria Garghet di Gratosoglio (estrema periferia meridionale di Milano) non è una trattoria. E’ una villa in campagna, travestita da trattoria, con la consapevolezza di essere un ristorante di livello: io so che tu sai che io so.

Già il nome, “Gharghet”, infonde nello straniero un brivido di esotismo longobardo: si tratta del gracidare delle rane, che qui abbondavano essendo un tempo terra di risaie. La struttura è un antico casolare, poi utilizzato dagli spagnoli come gendarmeria, ora ristorante assolutamente grazioso ma forse un po’ troppo carico di ninnoli, bagattelle e cazzatine varie.

Tra ranocchie in ceramica, candele, mappamondi scolastici, comò, anticaglie, si viene gentilmente accompagnati al proprio tavolo, ovviamente con tovaglia a quadretti bianchi e rossi (basta!!!).

Qui troviamo poi un dettaglio che manda in visibilio tanto il villico tanto quanto il frequentatore della milanodabere salentina dei corsi (como e garibaldi, no Corsica): menù bilingue scritto a mano su quadernetti scolastici: sopra in dialetto milanese sotto italiano. Solitamente strappa ai miei commensali un “oooh che carino!”, a me sembra assolutamente lezioso ma comunque.

Camerieri educati et edulcorati che nulla hanno della trattoria ma che tanto esprimono (ed è un bene) di scuola alberghiera, come dire, bella senz’anima…

Passiamo al cibo che il tempo è tiranno.

Antipasti:

Bene i “nervit cont i scigoll”, nervetti con cipolle, classico dei classici della cucina meneghina, ma che a 8 euro a piatto rallentano alquanto la digestione di un piatto di per se ostico.

Idem “El bumbulun” gnocco fritto con prosciutto. Buono sia il primo che il secondo. Domanda: ma il gnocco fritto si faceva anche nella tradizione lombarda? Mmh….

Culatel de Zibell: inutile tradurre e inutile commentarne la provenienza…

Primi:

“Risot a la milanesa cont el midol e safran”: classico risotto allo zafferano. Ottimo, cremoso e di giusta intensità: niente da dire, ma anche qui i prezzi sono da ristorante fusion del centro storico.

“Risutin saltà cont la luganega”: il risotto al salto sarebbe l’apogeo della cucina casalinga milanese, qui proposto con luganega. Un timballo saporito e dalla crosta croccante che non delude.

Secondi:

“Fegato di vitello”: una gradita comparsa in un mondo gastronomico che ormai rifugge frattaglie e interiora. Chi ama il genere rimarrà entusiasta.

“Cutuleta del garghet”: qui si potrebbe aprire una disputa degna dell’Iliade. Una cotoletta cucinata con tutti i crismi; con osso, battuta fino a farle raggiungere dimensioni gargantuesche, di carne tenerissima, ben cotta e dalla doratura ineccepibile. Ma 24 euro per una cotoletta non saran forse troppi? Andate e giudicate voi.

La cantina è vasta e permette di bere bene anche con cifre abbordabili, oppure di volare verso l’iperuranio dell’enologia spendendo ciò che si osa solo immaginare.

Concludendo in breve: ristorante curato e diligentemente camuffato da casa in campagna di possidenti terrieri molto ospitali. Cucina che non può lasciare delusi, i piatti appagano il palato e le budella, ma se si è consci di ciò che si sta mangiando il conto potrebbe risultare pesante come una zuppa inglese. Indicatissimo per le coppie romantiche, lo sconsiglio alle compagnie di amici in cerca di una mangiata dura e pura.

Cosi parlò Zarathustra.

Al Garghet

http://www.algarghet.it

Via Selvanesco 36 – Milano
T.  02/534698 – F. 02/57407866
Chiuso al lunedì

Annunci

Una Risposta to “La cotoletta di Re Mida: Trattoria al Garghet, Gratosoglio, Milano”

  1. CHRISTIAN PERRONE giugno 11, 2012 a 11:55 am #

    Mr. Glue, nn ci sono mai stato ma in base al tuo rsconto è come se ci fossi stato e la penso come tè….arancia meccanica gli el facciamo noi se continua atenere i prezzi sul livello da fusionethnic mix molecolar strùnzate!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Malice's Craftland

Benvenuti nel mio mondo

ITINERARI LAZIALI

borghi, castelli, ville, città perdute, monasteri ed abbazie, leggende e segreti, paesaggi fantastici e luoghi insoliti della regione di Roma e dei territori limitrofi.

Taste and Travel

Milano and more

lilruby jewelry

Jewelry design and who knows what else...

Associazione - GAS Torrino Decima - Roma - IX Municipio

"Non possiamo pretendere che le cose cambino, se continuiamo a fare le stesse cose. (Albert Einstein)

ruibarbacaos

Historias con comida

Esperienze di Gusto

Taste is everything, everything tastes

NikiLeaks News

Nikki Marquardt's blog around the world

Makeit Land

Learning creativity

Solocoloricaldi

Photography Exibition around Milan

vivoinbarriera

eventi ed iniziative che accadono a Torino, Barriera di Milano

Daffodil Cottage

Il Blog by Angela Urbani su bijoux handmade, tutorial make up e cosmesi

Tenaglia Impazzita

art mosaic by Giulio Pedrana

aughgoodies.wordpress.com/

▲ A world of Goodies ▼

Il Mercato degli Eventi

Il sito degli eventi di Bi&Bi Comunicazione

Il laboratorio di Arte-Bottega

Consigli dal portale di vendita on line per artigiani

lysecocycle

A great WordPress.com site

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: