Trattoria cinese Long Chan, Milano via Paolo Sarpi

23 Ott

Inutile farla lunga. Anche i più reazionari, sciovinisti e conservatori devono cedere alla realtà: i ristoranti etnici fanno parte del panorama gastronomico italiano dell’ultimo ventennio e i cinesi, essendo arrivati per primi, hanno fin da subito conquistato una grossa fetta di mercato, oltre gli immancabili (e talvolta giustificati) pregiudizi riguardanti l’igiene e la provenienza degli ingredienti.

Detto ciò, se non puoi ucciderli fatteli amici. Vi abbiamo parlato di The Corner e del decaduto Ju Bin: oggi ci spostiamo poche decine di metri più in giù, nel cuore di via Paolo Sarpi, la Chinatown italiana, dove tutto si acquista, ad ogni ora, ogni giorno dell’anno.

Al numero 42 troviamo Long Chan, una trattoria ne bella ne brutta: alcuni tavoli fuori, dentro il classico odore di fritto, soia, zenzero e birra. Il menù (spesso come le pagine gialle di Roma da A a L) è diviso in due “piatti cinesi tradizionali” e “cucina cinese italiana”. Così non ci sono dubbi e chiunque è in grado di comprendere che il riso alla cantonese non fa parte della cucina tradizionale cinese, al pari degli involtini primavera e delle nuvole di drago. Se vi piacciono ordinatele pure. Sfogliarlo tutto richiederebbe comunque un pomeriggio, per cui vi consiglio di fare come me e ordinare numeri a caso, per la gioia della piccola cameriera che così si evita finte spiegazioni “come sono le zampe di fenice?” “buone” “ah… perfetto grazie”.

Se siete dei duri potete lanciarvi sulla Zuppa di lingue di anatra, oppure sulle teste di pesce o i piedi di maiale. Io ho preferito lanciarmi su scelte meno hard core e ho ordinato un ottimo manzo ai 5 sapori che altro non è che il classico manzo lesso tagliato sottile e servito con salse: penso sarebbe piaciuto anche a mia nonna, per cui promosso.

Molto buono il maiale con verdure, le polpette fritte di granchio e il granchio con zenzero e cipollotti: in generale ho visto i miei commensali soddisfatti anche perchè da Long Chan non lesinano sulle porzioni e il conto è, se si rimane sul menù cinese, molto basso. Parliamo di 4 euro circa per un piatto, quindi con 20 euro pro capita si organizza un pranzo domenicale di quelli duri. Inoltre permette a ognuno di noi di sfogare per un’ora il proprio desiderio di esotismo e di sentirsi mooolto internazionali, il che è sempre buono per l’autostima.

Posso assolutamente metterlo tra i migliori cinque cinesi di Milano, al pari dei loro vicini, di cui parleremo a breve. Il personale è discretamente cortese, sulla questione della qualità delle materie prime non mi pronuncio, al momento sono ancora qui.

 

Long Chan

Via Paolo Sarpi, angolo Via Aleardo Aleardi 
20154 Milano, 
+39 023311098 

Foto: Rosella Verdiglione via web.stagram.com

Annunci

Una Risposta to “Trattoria cinese Long Chan, Milano via Paolo Sarpi”

Trackbacks/Pingbacks

  1. Milano, via Paolo Sarpi ristorante cinese “China Long”. La sfida dei draghi… « pranzoinitalia - gennaio 6, 2013

    […] via Paolo Sarpi 42: China Long, solo un civico più in là dagli acerrimi nemici di Long Chan (“long” in cinese vuol dire drago e quindi se la batte con i nostri “gallo […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Malice's Craftland

Benvenuti nel mio mondo

ITINERARI LAZIALI

borghi, castelli, ville, città perdute, monasteri ed abbazie, leggende e segreti, paesaggi fantastici e luoghi insoliti della regione di Roma e dei territori limitrofi.

Taste and Travel

Milano and more

lilruby jewelry

Jewelry design and who knows what else...

Associazione - GAS Torrino Decima - Roma - IX Municipio

"Non possiamo pretendere che le cose cambino, se continuiamo a fare le stesse cose. (Albert Einstein)

ruibarbacaos

Historias con comida

Esperienze di Gusto

Taste is everything, everything tastes

NikiLeaks News

Nikki Marquardt's blog around the world

Makeit Land

Learning creativity

Solocoloricaldi

Photography focus

vivoinbarriera

eventi ed iniziative che accadono a Torino, Barriera di Milano

Daffodil Cottage

Il Blog by Angela Urbani su bijoux handmade, tutorial make up e cosmesi

Tenaglia Impazzita

art mosaic by Giulio Pedrana

aughgoodies.wordpress.com/

▲ A world of Goodies ▼

Il Mercato degli Eventi

Il sito degli eventi di Bi&Bi Comunicazione

Il laboratorio di Arte-Bottega

Consigli dal portale di vendita on line per artigiani

lysecocycle

A great WordPress.com site

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: