Tag Archives: low cost

Che Pizza! Reggio Emilia, la “Piccola Piedigrotta”.

14 Mag


Personalmente non frequento le pizzerie, anzi, le temo.
La visione di un cameriere ascelluto che propone “faccio un bell’antipastino di mare caldo e freddo prima della pizza” ha distrutto i miei anni infantili e tormentato le cene di classe della mia adolescenza. Nonché quasi annullato i nobilissimi sentimenti che da sempre nutro per la pizza, che non è un piatto, ma una metafora nazionale. Fortunatamente esistono le eccezioni.
Reggio Emilia, Piazza 25 Aprile, piccolo scrigno che si schiude alla sinistra del Teatro Ariosto.
La Piccola Piedigrotta è veramente piccola, c’è sempre la coda e al sabato non accettano prenotazioni. Motivo? La pizza è veramente ottima, oserei dire perfetta: consistente, leggermente croccante, sottile al centro ma dai bordi alti e solidi. E ovviamente guarnita con ingredienti di questo nome (tra cui esclusivamente pomodoro San Marzano). Oltre alla indiscutibile bontà della pizza, che vi invito a provare appena possibile (tra cui la “Moka” piccola perversione senza pomodoro ma con granelli di caffè, sembra una stronzata ma fidatevi non lo è) la Piccola Piedigrotta mi ha piacevolmente stupito per due motivi.

1 Finalmente una pizzeria che fa la pizza e non propone menù spessi come le pagine gialle di Roma e infarciti di obbrobri quali le “mezze penne alla boscaiola” o i famigerati “tagliolini panna prosciutto e piselli” (ma ditemi la verità, esiste veramente qualcuno in possesso delle sue facoltà mentali che mangia ‘sta roba?)

2 La carta dei vini. Negli anni ’90 era considerato incestuoso e perverso bere vino assieme alla pizza, che doveva esclusivamente essere accompagnata da coca o birra (qualche tossico ci beveva addirittura la fanta, poi l’Onu ha votato una risoluzione per vietare l’abbinamento). Ma non dimentichiamo che gli anni ’90 hanno partorito Max Pezzali e l’inno di Forza Italia, quindi non mi fiderei troppo dei diktat di quel decennio… Alla Piedigrotta hanno alcuni vini molto interessanti, tra cui un buon aglianico rosè spumante e altri vini campani, quali la falanghina e il greco, che serviti belli freddi che si sposano molto bene con la pizza. Oltre a questi la cantina offre comunque molte ottime etichette dal Friuli alla Sicilia.
La selezione delle birre è accuratissima e vi trovano posto solo alcune birre prodotte da piccoli birrifici fuori dal mainstream.

A questo punto non vi resta che mettervi in coda e provare la Piedigrotta, magari concludendo con un mascarpone buono da morire e pesante quanto un sanpietrino…

Ah, il prezzo? Adeguato, 7,5 euro per una pizza ottima non penso scontenterà nessuno.

http://www.piccolapiedigrotta.com

Annunci

Tra lucci, baccalà e lugana: Trattoria Clementina a Rovizza di Sirmione

9 Mag

Il sottoscritto e alcuni arditi del bicchiere ci si trovava a Sirmione e, all’appropinquarsi dell’ora X abbiamo iniziato a vagare in cerca di un ristorante degno.
Un proliferare di anonime pizzerie, turpi menù fissi e conclamati trappoloni schianta krukki (che nella zona abbondano e si riconoscono, tuttora, dal calzino alto)

Ci siamo così spinti un po’ fuori rispetto al lago e, attraversata Lugana, abbiamo notato il cartello “trattoria da Clementina”.

Arriviamo a Rovizza, minuscola frazione di Sirmione ed ecco Clementina: casetta in sasso a vista sulla piazzetta, ingresso discreto, abbondanza di sorrisi e colori tenui.
Due sale e dehors per godere il sole gardesano: oggetti di modernariato alternati a mobili antichi (nonché qualche quadro discutibile..) e oggetti che ricordano la ruralità del luogo e la sua grande tradizione enologica.

Infatti partiamo da qui: Lugana fresca che accompagna luccio alla mantovana. Pesce predatore d’acqua dolce in concia di capperi e alici su letto di polenta: ingredienti poverissimi e quasi banali impreziositi dalla maestria dell’esecuzione.
Proseguiamo con un abbondante tagliere di formaggi della Valcamonica servito con miele, marmellata di cipolle, cannella e burro di montagna. Buoni, gustosi, di spessore.

A questo punto passiamo ai primi un piatto veramente rappresentativo del territorio: i Capunsei, “banalissimi” gnocchi di pane serviti con burro, formaggio e salvia. Eccezionali: morbidi ma consistenti, saporiti ma non aggressivi.

Baccalà con fagioli latte e polenta integrale: gradevole, ma forse troppo simile al luccio con polenta. Delicato ma, se si può avanzare una critica, leggermente asciutto.

Tra i dolci, non provati, sbrisolona, crema catalana alla crema di liquirizia.

Di livello la selezione di grappe che spazia dalla grappa di Lugana alla Franciacorta fino al Friuli e all’alto Adige.

Il conto assolutamente adeguato: 25 euro a testa con due bottiglie di vino in 4. Lo stesso locale posizionato vista lago avrebbe avuto prezzi maggiorati del 30%. Da provare, vale una gita o perlomeno una sosta inaspettata per chi si trova, magari solingo e digiuno, sull’A4.

Malice's Craftland

Benvenuti nel mio mondo

ITINERARI LAZIALI

borghi, castelli, ville, città perdute, monasteri ed abbazie, leggende e segreti, paesaggi fantastici e luoghi insoliti della regione di Roma e dei territori limitrofi.

Taste and Travel

Milano and more

lilruby jewelry

Jewelry design and who knows what else...

Associazione - GAS Torrino Decima - Roma - IX Municipio

"Non possiamo pretendere che le cose cambino, se continuiamo a fare le stesse cose. (Albert Einstein)

ruibarbacaos

Historias con comida

NikiLeaks News

Nikki Marquardt's blog around the world

Makeit Land

Learning creativity

Solocoloricaldi

Art & More

vivoinbarriera

eventi ed iniziative che accadono a Torino, Barriera di Milano

Daffodil Cottage

Poetry | Jewellery | Handcraft | Nature | Beauty | Living

Tenaglia Impazzita

art mosaic by Giulio Pedrana

aughgoodies.wordpress.com/

▲ A world of Goodies ▼

Il Mercato degli Eventi

Il sito degli eventi di Bi&Bi Comunicazione

Il laboratorio di Arte-Bottega

Consigli dal portale di vendita on line per artigiani

lysecocycle

A great WordPress.com site

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: